Nave Diciotti, Amnesty International Italia: “Sfida irresponsabile sulla pelle di persone vulnerabili” - Amnesty International Italia

Nave Diciotti, Amnesty International Italia: “Sfida irresponsabile sulla pelle di persone vulnerabili”

22 agosto 2018

Tempo di lettura stimato: 2'

La vicenda della nave Diciotti è un’espressione grottesca della cosiddetta politica del ‘no agli sbarchi’, ultima arrivata tra le varie politiche del ‘no a questo, no a quello’. Più che una politica, una sfida irresponsabile giocata sulla pelle dei più deboli e vulnerabili, che ha prodotto finora solo arbitrio e illegalità”, ha dichiarato Antonio Marchesi, presidente di Amnesty International Italia, a proposito della vicenda della nave Diciotti, ferma a Catania senza che alle persone soccorse – con l’eccezione dei minori – sia consentito di scendere a terra.

Dopo le navi delle Ong, quelle commerciali italiane e straniere, quelle di eserciti di stati alleati, ora sono paradossalmente le navi della stessa Guardia Costiera italiana a non poter sbarcare o a sbarcare con grave ritardo il proprio carico umano, fatto di persone soccorse in mare“, ha proseguito Marchesi.

Il diritto internazionale e la Costituzione italiana – opportunamente richiamati dal Garante per i diritti delle persone detenute o private della libertà – avrebbero imposto da giorni una soluzione diversa, rispettosa dei diritti fondamentali di persone in particolari condizioni di vulnerabilità e, certamente non poche di esse, con un fondato timore di persecuzione. Quei diritti non possono e non devono essere messi da parte in nome dei diktat di questa o quella forza politica”, ha concluso Marchesi.