Sentenza d'appello sulla Diaz: un verdetto che porta verità e giustizia - Amnesty International Italia

Sentenza d’appello sulla Diaz: un verdetto che porta verità e giustizia

18 maggio 2010

Tempo di lettura stimato: 5'

Sentenza della Corte d’appello di Genova sulla Diaz: un verdetto che porta verità e giustizia, per la Sezione Italiana di Amnesty International

CS048: 19/05/2010

La Corte d’appello di Genova ha riconosciuto le responsabilità di 27 tra agenti e dirigenti della polizia per i gravi abusi commessi durante il G8 di Genova, nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001, ai danni di decine di persone presso la scuola Diaz.
                                   
Questa decisione porta verità e giustizia alle vittime, alle loro famiglie e alle organizzazioni che in questi nove anni le hanno sostenute‘ – ha dichiarato la Sezione Italiana di Amnesty International.

Il dispositivo della sentenza di appello non solo conferma e inasprisce le condanne nei confronti degli agenti giudicati colpevoli in primo grado, ma amplia il riconoscimento delle responsabilità penali ai loro dirigenti. Ne emerge una conferma del quadro già allarmante ricostruito in primo grado: gravi violazioni (tra cui lesioni gravi, arresti illegali, falso e calunnia) furono commesse a Genova da agenti di polizia e dai loro responsabili nei confronti di decine di manifestanti inermi, aggrediti mentre si trovavano in un luogo di riparo notturno al termine delle manifestazioni indette in occasione del G8. 
 
Seppur essenziale e lungamente attesa, la ricostruzione delle responsabilità penali  individuali non è tuttavia sufficiente. In questi nove anni, sottolinea la Sezione Italiana di Amnesty International, non c’è stata alcuna parola forte di condanna da parte delle istituzioni per il comportamento tenuto dalle forze di polizia nel luglio 2001 a Genova. Il riconoscimento delle responsabilità penali di dirigenti di polizia per i fatti della scuola Diaz rende ancora più urgente che le istituzioni coinvolte si interroghino sul fallimento nella gestione  dell’ordine  pubblico a Genova nel luglio 2001 e sulle gravi e molteplici  violazioni  dei  diritti  umani  commesse  in  pochi giorni nei confronti  di  centinaia  di  persone. 

Il quadro complessivo che emerge da questa sentenza di appello, da quella emessa nel marzo scorso relativamente alle brutalità compiute a Bolzaneto e da altre decisioni precedenti, rende quest’analisi necessaria. 
 
I sistemi operativi e di controllo delle forze di polizia non garantirono la protezione e la sicurezza dei manifestanti e tuttora manca un’analisi interna a questi organismi di tale fallimento.  

Le lacune di sistema che hanno concorso alle violazioni dei diritti umani alla scuola Diaz non sono state colmate dalle autorità italiane, che non hanno adottato alcuna misura per impedire abusi di analoga natura da parte della polizia.

Quanto accaduto alla scuola Diaz potrebbe ripetersi se le autorità non diranno a chiare lettere che le violazioni dei diritti umani da parte delle forze di polizia non sono tollerate e non assumeranno le necessarie misure di riforma dei meccanismi che a Genova non garantirono sicurezza e protezione dei diritti fondamentali di tutti‘ – ha affermato l’associazione.

Amnesty International rinnova la richiesta alle autorità italiane di introdurre il reato di tortura, con le caratteristiche previste dalla Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura, istituire un meccanismo indipendente per accertare le responsabilità delle forze di polizia e dare attuazione a tutte le raccomandazioni degli organismi internazionali, incluse quelle sull’identificazione delle forze di polizia durante le operazioni di ordine pubblico.

FINE DEL COMUNICATO                                                                                 Roma, 19 maggio 2010

Per approfondimenti e interviste:
Amnesty International Italia – Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 – cell. 348-6974361, e-mail: press@amnesty.it