La Spagna deve annullare la disposizione che consente espulsioni senza giusto processo - Amnesty International Italia

La Spagna deve annullare la disposizione che consente espulsioni senza giusto processo

26 settembre 2018

Tempo di lettura stimato: 4'

Chiediamo al governo di Madrid di annullare con urgenza la disposizione della cosiddetta “Ley Mordaza” (o legge-bavaglio) che consente le espulsioni senza la possibilità di chiedere asilo o di valutare i rischi legati al ritorno da Ceuta e Melilla verso il Marocco.

Con una nota stampaFrancesca Pizzutelli, ricercatrice di Amnesty International sui diritti dei migranti e dei rifugiati, spiega le ragioni di questa nostra richiesta.

La decisione assunta dalla Spagna nel 2015 di legalizzare le espulsioni sommarie viola del tutto il diritto internazionale – spiega la nostra ricercatrice –, che vieta agli stati di espellere persone senza considerare la loro situazione e di rimandarle verso paesi in cui possono rischiare di subire torture e maltrattamenti“.

Presso la Corte europea dei diritti umani il 26 settembre si svolge un’udienza dedicata al ricorso della Spagna contro la sentenza, emessa dalla stessa corte nell’ottobre 2017, circa la violazione dei diritti di due cittadini africani espulsi verso il Marocco col mancato rispetto degli standard internazionali.

Anche se il nuovo governo spagnolo si è impegnato a modificare la legge, siamo preoccupati che abbia deciso di contestare la sentenza della Corte europea dei diritti umani del 2017 – ha aggiunto Francesca Pizzutelli –. Questa decisione, insieme alle continue espulsioni collettive verso il Marocco degli ultimi mesi, mettono in forte dubbio la volontà della Spagna di porre fine a questa prassi illegale”, ha aggiunto Pizzutelli.

La sentenza della Corte europea dei diritti umani

Il 3 ottobre 2017 la Camera della Corte europea dei diritti umani aveva giudicato la Spagna colpevole di aver violato i diritti dei due cittadini africani. Le persone oggetto della sentenza sono un cittadino della Costa d’Avorio e uno del Mali che, nell’agosto 2014, avevano attraversato la frontiera tra il Marocco e l’enclave spagnola di Melilla. Arrestati dalla polizia spagnola, erano stati immediatamente respinti in Marocco.

In violazione del diritto internazionale, era stata loro negata l’opportunità di chiedere asilo e non erano stati valutati i rischi legati al ritorno in Marocco. Il loro istantaneo respingimento aveva anche reso impossibile fare appello contro la decisione e presentare ricorso a un tribunale spagnolo.

Le autorità spagnole hanno deciso di opporsi alla sentenza ricorrendo alla Gran camera della Corte, che inizierà ad ascoltare le parti il 26 settembre.

Il governo spagnolo deve immediatamente annullare la disposizione che consente i respingimenti alla frontiera e porre fine alla prassi crudele e illegale di espellere migranti e richiedenti asilo in Marocco, dove ricevono scarsa se non nulla assistenza da parte delle autorità locali – ha proseguito Pizzutelli -. Nei loro rapporti col Marocco, la Spagna e l’Unione europea devono dare priorità alla protezione dei diritti delle persone in movimento e alla creazione di un sistema d’asilo nel paese nordafricano”.

Aumenta la repressione nei confronti di migranti e rifugiati in Marocco

Nel corso degli ultimi mesi abbiamo documentato un’escalation della repressione nei confronti dei migranti e dei rifugiati da parte delle autorità marocchine. Dalla fine di luglio, 5.000 persone sono state fermate, fatte salire a bordo di pullman e abbandonate in zone remote, al confine con l’Algeria o nel sud del paese.