Giappone, proseguono le impiccagioni, segnale di assenza di leadership - Amnesty International Italia

Giappone, proseguono le impiccagioni, segnale di assenza di leadership

3 agosto 2012

Tempo di lettura stimato: 2'

Amnesty International ha espresso profondo disappunto per le due impiccagioni eseguite la mattina del 3 agosto in Giappone.

Junya Hattori, 31 anni, condannato a morte nel 2002 per lo stupro e l’omicidio di una ragazza di 19 anni, e Kyozo Matsumura, 31 anni, condannato a morte nel 2007 per aver ucciso due familiari, sono stati impiccati rispettivamente a Tokio e a Osaka.

Dopo l’intero 2011 trascorso senza esecuzioni, quest’anno il Giappone ha eseguito già cinque condanne a morte. In attesa dell’impiccagione restano ora 130 prigionieri.

Amnesty International si è detta rammaricata per il fatto che anche il nuovo ministro della Giustizia, Makoto Taki, nominato all’inizio di giugno, abbia autorizzato l’esecuzione di condanne a morte.

Così facendo, sottolinea l’organizzazione per i diritti umani, le autorità giapponesi scelgono di trincerarsi dietro il sostegno dell’opinione pubblica piuttosto che dimostrare leadership impegnandosi verso l’abolizione della pena capitale.

 

Attivati contro la pena di morte, entra nella rete!