Israele e Territori Palestinesi Occupati: le violazioni dei diritti umani accertate nel 2016

Israele e Territori Palestinesi Occupati


Rapporto 2019-2020   Medio Oriente e Africa del nord

Ultime notizie sul paese

 

STATO D’ISRAELE

Capo di stato: Reuven Rivlin

Capo di governo: Benjamin Netanyahu

Israele ha continuato a imporre una discriminazione istituzionalizzata contro i palestinesi che vivono sotto il suo controllo in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati (Occupied Palestinian Territories – Opt).

Le forze di sicurezza israeliane hanno ucciso 38 palestinesi, tra cui 11 minori, durante le manifestazioni lungo la Striscia di Gaza e in Cisgiordania; molti di loro sono stati uccisi illegalmente, perché non stavano rappresentando alcuna minaccia. Israele ha fallito nell’assicurare le responsabilità e risarcimenti per le vittime di questa gravissima violazione del diritto umanitario internazionale e della legislazione internazionale sui diritti umani. Attacchi aerei israeliani e bombardamenti nella Striscia di Gaza hanno ucciso 28 civili palestinesi che non partecipavano direttamente alle ostilità, tra cui 10 minori. Israele ha mantenuto il suo blocco illegale sulla Striscia di Gaza, sottoponendo i suoi abitanti a punizioni collettive e intensificando la crisi umanitaria. Ha continuato a limitare la libera circolazione dei palestinesi negli Opt attraverso posti di blocco e blocchi stradali. Le autorità israeliane hanno arrestato illegalmente in Israele migliaia di palestinesi degli Opt, trattenendone centinaia in detenzione amministrativa senza accuse né processo. La tortura e altri maltrattamenti dei detenuti, tra cui minori, sono stati commessi con impunità.

Israele ha sfollato oltre 900 palestinesi in Cisgiordania a seguito di demolizioni abitative. Le autorità hanno impiegato una serie di misure atte a colpire i difensori dei diritti umani, giornalisti e altri che hanno criticato il proseguimento dell’occupazione israeliana della Cisgiordania, della Striscia di Gaza e delle alture del Golan siriane. Le autorità hanno negato ai richiedenti asilo l’accesso a un processo di determinazione dello status di rifugiato equo o rapido. Gli obiettori di coscienza al servizio militare sono stati incarcerati.

Contesto

Il 9 aprile hanno avuto luogo le elezioni legislative, ma nessun leader del partito è stato in grado di formare una coalizione di governo. Di conseguenza, nuove elezioni sono state necessarie e si sono svolte il 17 settembre. Non è stato formato alcun governo, pertanto sono state programmate terze elezioni per marzo 2020. Il 21 novembre, il primo ministro Benjamin Netanyahu è stato incriminato con l’accusa di corruzione, frode e abuso d’ufficio.

Israele ha continuato a espandere insediamenti illegali e le relative infrastrutture nella Cisgiordania occupata, inclusa Gerusalemme est, legalizzando gli avamposti costruiti senza autorizzazione statale israeliana, anche su terre private palestinesi. Il 19 novembre, il governo degli Usa ha annunciato che non avrebbe considerato gli insediamenti israeliani in Cisgiordania illegali ai sensi del diritto internazionale. Il 25 marzo, il presidente degli Usa Donald Trump aveva riconosciuto la sovranità di Israele sulle alture del Golan occupate, contravvenendo alle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che dichiaravano illegale l’annessione compiuta da Israele.

Il 20 dicembre, la procuratrice del Tribunale penale internazionale ha annunciato che l’esame preliminare della “Situazione in Palestina” aveva concluso che erano stati commessi crimini di guerra nell’Opt e che “tutti i criteri legali… per l’apertura delle indagini erano stati soddisfatti“. Tuttavia, prima di procedere con un’indagine, la procuratrice ha deciso di chiedere conferma ai giudici del Tribunale penale internazionale che il territorio sul quale il tribunale può esercitare la propria giurisdizione comprenda la Cisgiordania, incluse Gerusalemme est e la Striscia di Gaza.

A marzo, gruppi armati palestinesi hanno lanciato un razzo dalla Striscia di Gaza verso il centro di Israele, ferendo sette civili. Israele ha reagito colpendo gli obiettivi di Hamas a Gaza. Tra il 3 e il 6 maggio, le forze israeliane hanno sferrato centinaia di attacchi aerei e proiettili di artiglieria a Gaza, uccidendo 25 persone; i gruppi armati palestinesi hanno lanciato centinaia di missili contro Israele, uccidendo quattro persone. Tra il 12 e il 16 novembre, dopo che Israele ha ucciso un membro di spicco del gruppo armato della Jihad islamica palestinese in un attacco aereo, le ostilità sono divampate nuovamente. Israele ha lanciato attacchi aerei uccidendo 33 persone, tra cui 15 civili, mentre gruppi armati palestinesi hanno lanciato missili contro Israele, provocando feriti.

Israele ha anche scagliato attacchi aerei contro obiettivi iraniani e degli Hezbollah in Siria, Libano e Iraq.

Uccisioni illegali

Le forze militari e di sicurezza israeliane hanno ucciso almeno 38 palestinesi, tra cui 11 minori, durante le manifestazioni nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (Office for the Coordination of Humanitarian Affairs – Ocha). Molti sono stati uccisi illegalmente con munizioni vere o facendo ricorso a uso eccessivo della forza quando non rappresentavano una minaccia imminente alla vita. Molte delle uccisioni illegali sono apparse intenzionali, il che costituirebbe un crimine di guerra.

I palestinesi nella Striscia di Gaza hanno continuato per settimane con proteste della “Grande marcia del ritorno”, iniziata nel marzo 2018. Secondo il Centro palestinese per i diritti umani, al 27 dicembre erano stati uccisi 215 palestinesi, tra cui 47 minori, quattro paramedici e due giornalisti. Alcuni manifestanti palestinesi hanno commesso violenze, lanciando pietre e bombe molotov contro i soldati israeliani.

Il 28 febbraio, la Commissione d’inchiesta delle Nazioni Unite sulle violazioni commesse nel contesto delle proteste a Gaza tra marzo e dicembre 2018 ha determinato che le forze israeliane potrebbero aver commesso crimini di guerra, anche sparando deliberatamente contro civili palestinesi. A luglio, la stampa israeliana ha riferito che le forze armate israeliane avevano deciso di modificare i loro regolamenti sulle armi da fuoco, che avevano permesso ai cecchini di sparare agli arti inferiori dei manifestanti sopra il ginocchio, quindi dopo oltre un anno dal riconoscimento che tali regole provocavano inutilmente morti e ferite devastanti, i cecchini sono stati istruiti, per il futuro, a sparare sotto il ginocchio.

Il 16 maggio l’esercito israeliano ha chiuso senza formalizzare accuse le indagini sulla morte di Ibrahim Abu Thuraya, che utilizzava una sedia a rotelle, durante le proteste di Gaza del dicembre 2018.

Il 30 ottobre, l’esercito ha condannato ai lavori socialmente utili un soldato israeliano che ha sparato a Othman Halas, palestinese di 15 anni morto durante una protesta a Gaza nel luglio 2018, e ha ridotto il suo grado per “aver messo in pericolo una vita deviando dagli ordini“.

Attacchi aerei israeliani e bombardamenti nella Striscia di Gaza hanno ucciso 28 civili palestinesi che non partecipavano direttamente alle ostilità, tra cui 10 minori; 13 civili sono stati uccisi nelle ostilità del 3-6 maggio, e altri 15 in quelle del 12-16 novembre. Alcuni degli attacchi in cui i civili sono stati uccisi o feriti sembrano essere stati indiscriminati o sproporzionati, o sono stati eseguiti senza adeguate precauzioni per risparmiare i civili. Gli attacchi dei coloni israeliani contro i palestinesi in Cisgiordania hanno provocato l’uccisione di due palestinesi e il ferimento di 112, secondo l’Ocha. Da un lato, le forze israeliane non sono riuscite a intervenire per fermare tali attacchi, e dall’altro la magistratura israeliana non è riuscita ad assicurare i responsabili alla giustizia.

Libertà di movimento, diritto alla salute

Il blocco illegale aereo, terrestre e marittimo di Israele nella Striscia di Gaza, che ha limitato il movimento di persone e merci dentro e fuori l’area, ha continuato ad avere un impatto devastante sui diritti umani dei due milioni di abitanti di Gaza per il dodicesimo anno consecutivo. Queste misure hanno costituito una forma di punizione collettiva. A gennaio, l’Organizzazione mondiale della sanità ha denunciato che il blocco israeliano del carburante a Gaza stava gravemente colpendo ospedali e altri servizi sanitari. Tra il 26 agosto e il 1 settembre, a seguito di attacchi missilistici in Israele, le autorità israeliane hanno dimezzato la fornitura di carburante a Gaza, arrivando al risultato di fornire un massimo giornaliero di quattro ore di elettricità.

A giugno, il Centro palestinese per i diritti umani ha segnalato una grave carenza di medicinali per i pazienti con cancro e malattie croniche a Gaza. Israele ha continuato a negare arbitrariamente i permessi medici ai residenti di Gaza per consentire loro di entrare in Israele o in Cisgiordania per le cure. A gennaio, Israele ha esteso i limiti di pesca al largo della costa di Gaza a 12 miglia nautiche, ancora al di sotto delle 20 miglia nautiche concordate negli accordi di Oslo firmati da Israele e dalla Organizzazione per la liberazione della Palestina negli anni Novanta. In Cisgiordania, almeno 100 posti di blocco e blocchi stradali israeliani hanno continuato a limitare pesantemente il movimento dei palestinesi, ed essere in possesso di una carta di identità palestinese rappresenta un ostacolo all’uso delle strade costruite per i coloni israeliani.

Detenzioni

Arresti e detenzioni arbitrarie

Le autorità israeliane hanno condotto centinaia di incursioni in Cisgiordania per arrestare i palestinesi, di solito di notte, nelle loro case. Sono stati detenuti nelle carceri in Israele, insieme a migliaia di altri palestinesi dell’Opt arrestati negli anni precedenti. Ciò viola il diritto internazionale umanitario, che vieta il trasferimento dei detenuti nel territorio della potenza occupante.

Il 31 ottobre, le forze israeliane hanno arrestato Khalida Jarrar, ex membro del Consiglio legislativo palestinese del Consiglio direttivo dell’Associazione Addameer per il sostegno ai prigionieri e per i diritti umani. È stata accusata di “detenere una posizione in un’associazione illegale” ed è rimasta in detenzione a partire dalla fine dell’anno.

Le autorità israeliane hanno usato ordini di detenzione amministrativa rinnovabili per trattenere i palestinesi senza accuse, né processo.

Secondo il Servizio penitenziario israeliano, circa 4638 palestinesi provenienti dagli Opt, tra cui 458 detenuti amministrativi, sono stati trattenuti nelle carceri israeliane a partire dal 30 novembre. Molte famiglie di detenuti palestinesi in Israele, in particolare quelli di Gaza, non avevano il permesso di entrare in Israele per visitare i loro parenti. I civili palestinesi degli Opt, inclusi i minori, sono stati processati in tribunali militari che non soddisfacevano gli standard internazionali per un processo equo.

Minori in custodia

Israele ha tenuto in prigione 182 minori palestinesi, di cui due in detenzione amministrativa, a partire dal 30 novembre. Difesa dei bambini internazionale-Palestina ha affermato che i minori sono stati interrogati senza i genitori presenti e messi in prigione con adulti. Secondo il diritto internazionale, la detenzione di minori dovrebbe essere una misura di ultima istanza e per il tempo più breve possibile.

Il 22 gennaio, le forze israeliane hanno arrestato il quattordicenne Suleiman Abu Ghosh del campo profughi di Qalandia, e lo hanno tenuto in detenzione amministrativa per quattro mesi.

Discriminazione 

A settembre, il Servizio penitenziario israeliano ha rifiutato una richiesta di traduzione delle norme carcerarie in arabo, presentata dall’Associazione per i diritti civili in Israele. Ha sostenuto che non era tenuto a farlo secondo la legge dello stato-nazione, una legge di natura costituzionale che rende l’autodeterminazione un diritto riservato agli ebrei e discrimina i civili palestinesi, anche declassando lo status della lingua araba.

Torture e altri maltrattamenti, morti in custodia

I soldati israeliani, la polizia e gli ufficiali della Agenzia di sicurezza israeliana hanno continuato a torturare e maltrattare i detenuti palestinesi, compresi i minori, impunemente. I metodi segnalati includevano percosse, schiaffi, incatenamenti dolorosi, privazione del sonno, posizioni di stress e minacce. L’isolamento prolungato, a volte per mesi, è stato comunemente usato come punizione.

Il 29 settembre, il ministero della Giustizia ha avviato un’indagine dopo che Samir Arbeed è stato ricoverato in ospedale con costole rotte e insufficienza renale a seguito di torture da parte delle forze israeliane durante gli interrogatori.

Quattro palestinesi sono morti in custodia a causa di torture o altri maltrattamenti da parte delle forze israeliane. Uno di loro, Nassar Taqatqa, interrogato dall’Agenzia di sicurezza israeliana, è morto il 16 luglio in prigione, a un mese dall’arresto. Il Servizio penitenziario israeliano ha dichiarato che sta indagando sulla sua morte. Le autorità hanno rifiutato di restituire i corpi di tre dei prigionieri.

Diritto alla casa, sgomberi forzati

Israele ha demolito 621 strutture residenziali e di sostentamento palestinesi nella Cisgiordania occupata, inclusa Gerusalemme est, sfollando 914 persone, in base a quanto riportato dall’Ocha. Le autorità israeliane hanno affermato che molti degli edifici demoliti non avevano permessi rilasciati da Israele; questi sono praticamente impossibili da ottenere per i palestinesi. La legge di occupazione proibisce tali demolizioni, a meno che non siano assolutamente necessarie per le operazioni militari. Il 22 luglio, le forze israeliane hanno demolito fino a 16 edifici residenziali nel villaggio di Sur Baher in Cisgiordania a causa della loro vicinanza al recinto che Israele ha in gran parte costruito su terra palestinese.

Israele ha demolito in modo punitivo almeno 14 case palestinesi in Cisgiordania, compresa Gerusalemme est, lasciando 36 persone, tra cui 15 bambini, senzatetto, secondo B’selem, un’organizzazione israeliana per i diritti umani. Le demolizioni punitive costituiscono una punizione collettiva e sono proibite dal diritto internazionale.

Organizzazioni di coloni israeliane hanno avviato, con il sostegno delle autorità israeliane, sgomberi forzati di palestinesi dalle loro case a Gerusalemme est. L’Ocha ha stimato che a gennaio circa 200 famiglie palestinesi hanno sfratti in corso, situazione che mette 877 tra adulti e bambini a rischio di sfollamento.

Il 10 luglio, le autorità israeliane hanno sgomberato con la forza il palestinese Ilham Siyam e la sua famiglia dalla loro casa a Silwan, Gerusalemme est.

Il tribunale distrettuale si era pronunciato a favore dell’associazione di coloni israeliani Elad sulla proprietà della casa, ponendo fine a una battaglia legale che durava da quasi 30 anni.

Il 28 gennaio, le autorità israeliane hanno annunciato un piano per trasferire forzatamente 36.000 cittadini beduini palestinesi che vivono in villaggi “non riconosciuti” nel Negev / Naqab in Israele in quartieri pianificati dal governo; Israele rifiuta di riconoscere quei villaggi come legali o di fornire loro servizi comunali. A dicembre, le autorità israeliane hanno demolito il villaggio beduino palestinese di alAraqib per la 169esima volta.

Libertà di parola e associazione

Le autorità hanno utilizzato una serie di misure, tra cui incursioni, campagne di incitamento, restrizioni di movimento e persecuzioni giudiziarie, per colpire difensori dei diritti umani, giornalisti e altri che hanno criticato il proseguimento dell’occupazione israeliana della Cisgiordania, della Striscia di Gaza e delle alture siriane del Golan.

A febbraio, il ministero degli Affari strategici ha pubblicato un rapporto che elencava operatori palestinesi per i diritti umani e attivisti per boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele, etichettandoli come “terroristi in giacca e cravatta”. Tra questi c’erano Shawan Jabarin, direttore generale del Gruppo palestinese per i diritti umani Al-Haq; Raja Sourani, direttore del Centro palestinese per i diritti umani; e Salah Hamouri, ricercatore franco-palestinese di Addameer. Il 19 settembre, le forze israeliane hanno fatto irruzione nell’ufficio di Addameer a Ramallah e hanno sequestrato l’attrezzatura.

Israele ha continuato a negare l’ingresso agli organismi dei diritti umani negli Opt, incluso il Relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani negli Opt. A ottobre, Israele ha impedito al campaigner di Amnesty International su Israele e Opt, Laith Abu Zeyad, di uscire dalla Cisgiordania per “motivi di sicurezza”, apparentemente come misura punitiva contro il lavoro sui diritti umani dell’organizzazione.

Nella notte tra il 21 e il 22 luglio, le autorità israeliane hanno tentato di espellere con la forza il fotoreporter palestinese Mustafa al-Kharouf verso la Giordania, dove non ha diritti di cittadinanza o di residenza, apparentemente perché aveva documentato violazioni dei diritti umani da parte delle autorità israeliane a Gerusalemme est. La Giordania ha bloccato il tentativo, che sarebbe stato un crimine di guerra. È stato trattenuto in detenzione arbitraria dal 22 gennaio fino alla sua liberazione condizionale il 24 ottobre. La legge anti-boicottaggio è stata utilizzata per colpire attivisti e organizzazioni critiche verso le politiche israeliane. A novembre, la Corte suprema israeliana ha confermato un ordine di espulsione contro il direttore di Human Rights Watch Israele e Palestina, Omar Shakir, che era stato avviato ai sensi di legge. Il 25 novembre è stato espulso. A giugno, la compagnia energetica statale Energix ha usato la legge per citare in giudizio Al-Marsad – Centro arabo sui diritti umani delle alture del Golan, per aver pubblicato un rapporto sul grande progetto di energia eolica della compagnia su terreni privati di siriani nel Golan occupato.

Violenze di genere

Le violenze contro le donne persistono in Israele, soprattutto contro le donne palestinesi israeliane. Almeno 13 donne sono state uccise a causa della violenza di genere.

Rifugiati, richiedenti asilo politico e lavoratori migranti

Israele ha continuato a negare ai richiedenti asilo l’accesso a un processo equo e rapido di determinazione dello status di rifugiato, lasciando molti senza accesso ai servizi di base. Circa 30.000 richiedenti asilo vivevano in Israele. Al 30 giugno, non erano state concessioni di asilo, mentre sono rimaste in sospeso circa 15.000 domande.

A settembre, la Corte suprema ha respinto una petizione per bloccare l’espulsione di figli di lavoratori migranti nati in Israele e residenti senza uno status giuridico.

Obiettori di coscienza

Almeno tre obiettori di coscienza israeliani al servizio militare sono stati incarcerati. Ad agosto, l’obiettore di coscienza Roman Levin è stato rilasciato dopo 82 giorni in isolamento.

Continua a leggere